4 dicembre 2016
Aggiornato 07:00
Crisi Mps

Mps recupera in Borsa. Ma i sindacati scrivono al presidente Mattarella

Il titolo di Mps recupera a Piazza Affari dopo il tonfo di ieri. I titoli bancari, però, continuano a risentire dell'incertezza pre-voto. Intanto, i sindacati aziendali del Monte Paschi hanno inviato una lettera aperta al presidente della Repubblica

Monte Paschi Siena. (© Askanews)

ROMA – Mps recupera e vola in Borsa dopo il tonfo di ieri. A Piazza Affari è proprio il titolo del Monte Paschi a trainare la ripresa delle banche italiane. Le Borse europee, tuttavia, aprono in calo stamani dopo il discorso del governatore centrale, Mario Draghi, davanti al Parlamento europeo e a causa dell'incertezza legata all'imminente referendum costituzionale. I sindacati aziendali del Monte Paschi, intanto, preoccupati per i ripetuti accostamenti da parte di molti media del destino delle banche italiane al verdetto referendario, hanno inviato una lettera aperta al presidente della Repubblica.

Leggi anche "Referendum, è arrivato l'aiutino del Financial Times a Renzi: la politica del terrore colpisce ancora"

Mps recupera dopo il tonfo di ieri
Mps recupera e vola in Borsa dopo il tonfo di ieri. A fine giornata aveva infatti chiuso le contrattazioni cedendo il 13,8%. Ma oggi è un altro giorno per la banca senese, che – dopo una sospensione per eccesso di volatilità – vanta un +4%. Le Borse europee, però, aprono in calo stamani dopo il discorso del governatore centrale, Mario Draghi, davanti al Parlamento europeo e a causa dell'incertezza legata all'imminente referendum costituzionale che si svolgerà in Italia il 4 dicembre. I sindacati aziendali del Monte Paschi, intanto, preoccupati per i reiterati accostamenti da parte di molti media nazionali e internazionali (vedi ultimi articoli del Financial Times) del destino delle banche italiane al verdetto referendario, hanno inviato una lettera aperta al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Leggi anche "Referendum, il Financial Times torna all'attacco: Se vince il 'No' 8 banche rischiano di fallire"

I sindacati aziendali del Monte scrivono a Mattarella
«Il Paese - si legge nella lettera inviata congiuntamente da i coordinamenti aziendali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Sinfub, Ugl Credito, Uilca, Unità Sindacale - è da mesi coinvolto in una campagna elettorale lunghissima ed estenuante sul cui esito non intendiamo esprimerci. Siamo convinti, a prescindere dalle rispettive posizioni sul merito, della piena legittimità delle posizioni in campo e che la scelta sarà il frutto della maturazione di una libera consapevolezza». Ma quello che i sindacati «non possono tollerare» è l'utilizzo di argomenti «che nulla hanno a che vedere con il merito della materia referendaria».

Il destino delle banche è indipendente dal dibattito referendario?
Inserire nel dibattito elettorale, da parte di ambienti finanziari internazionali e quasi sempre con intenti meramente speculativi, paure riguardanti fallimenti di banche e messa in discussione di posti di lavoro - sottolineano i sindacati nella lettera - «è inaccettabile e assolutamente fuorviante». E inoltre, come se non bastasse, può causare danni rilevanti alla tenuta del sistema bancario e all'economia nazionale. «Riteniamo che il Governo e le Autorità di Vigilanza debbano prontamente intervenire per riportare il dibattito nel suo alveo naturale» e per scongiurare i danni che tali politiche di destabilizzazione finanziaria ed economica arrecano ed arrecheranno «ben oltre l'esito della consultazione referendaria». Su tali materie occorre infatti che prevalgano il senso dello Stato e la difesa degli interessi nazionali.